Robin Williams non prendeva droghe psichiatriche suicidarie… anzi sì !!

Contrary to News Headlines, Robin Williams Was on Drugs at the Time of His Death—Antidepressant Drugs

 

RobinWilliamsAntidepressant

The antidepressant found in Williams’ toxicology test, Mirtazapine (Remeron), has 10 drug regulatory agency warnings citing suicidal ideation.

By Kelly Patricia O’Meara
November 10, 2014

If news headlines were to be believed about the autopsy findings of beloved actor/comedian Robin Williams, who tragically committed suicide nearly two months ago, no drugs were found in his system at the time of his death, as evidenced by headlines from USA Today, NBC News, the BBC and others proclaiming “no alcohol or drugs” were found. These headlines couldn’t be more wrong.

The medical examiner’s report cites an antidepressant drug was in Williams’ system at the time of his death. The particular antidepressant, Mirtazapine, (also known as Remeron) carries 10  international drug regulatory warnings on causing suicidal ideation.

According to the autopsy results, not only was Williams under the influence of antidepressant drugs, but the powerful antipsychotic Seroquel was also found at the scene and appears to have been recently taken by Williams. While toxicology tests apparently were negative for the antipsychotic Seroquel, the fact remains that a bottle of Seroquel prescribed to Williams on August 4th,  just seven days prior to Williams’ suicide, was missing 8 pills. The Seroquel instructions advise to take one pill per day as needed. Side effects associated with Seroquel include psychosis, paranoid reactions, delusions, depersonalization and suicide attempt.

MCDAWAK EC015The question that has to be asked is why the press continues to promote the idea that no drugs were found in Williams’ system? At what point did mind-altering psychiatric drugs, which have side effects rivaling those of heroin or crack cocaine, stop being called drugs? robin-williams-quoteAnd for those in the press who did “mention” the fact that Williams was found to have antidepressants in his system, the acknowledgement seems to promote the fact that “therapeutic concentrations” of prescription psychiatric drugs “improved his condition and kept him active until his death.”

This is a highly misleading take on the events leading to Williams tragic suicide, especially in light of the fact that not only was Williams receiving mental health “treatment,” he was under the supervision of a psychiatrist, was not abusing illegal drugs and had not “fallen off the wagon.”

The facts regarding antidepressant drugs are these:

  • Food and Drug Administration’s Medwatch Adverse Drug Reports include 470,000 adverse reactions for psychiatric drugs between 2004-2012. The FDA admits only 1% of side effects are ever reported to them, so the actual number of reported side effects is assuredly much higher.
  • Mirtazapine (also known as Remeron) carries the Food and Drug Administration’s (FDA) “Black box” warning for suicidality.
    • There are ten warnings of suicide associated with Mirtazapine alone and suicide is among the top 2 side effects reported to the FDA on this particular antidepressant
  • The FDA’s MedWatch drug adverse event reporting system recorded 411 attempted and completed suicides associated with the antidepressant Mirtazapine alone (and the FDA estimates only 1% of side effects are ever reported to them)
  • 90,000 emergency room visits are attributed to psychiatric drugs each year in the U.S.
  • 23,755 suicides are attributed to psychiatric drugs each year in the U.S. alone.

Give the above data, one can only wonder why Williams’ psychiatric drug use has effectively been dismissed by reporting organizations. A careful review of Williams’ psychiatric “non-drug” use paints a very different tragic story.

What was found in Williams’ system were prescription psychiatric drugs with side effects that not only rival illegal street drugs, but also carry the FDA’s “Black box” warnings—the federal agency’s most serious warnings—about increased thoughts of suicide.

The fact is that two of the drugs Williams had been prescribed list suicidal thoughts as possible side effects. The Seroquel he was prescribed (and appears to have taken in the week prior to his suicide), and the antidepressant that was still in his system at the time of his suicide.  Moreover, considering the FDA’s Medwatch drug adverse event reporting system recorded 411 attempted and completed suicides associated with the antidepressant Mirtazapine alone (and the FDA estimates only 1% of side effects are ever reported to them), it becomes even more bizarre that the world’s press ignore even the possibility that these drugs could be involved in Williams’ suicide.

The much-loved comedian’s death is a great loss, but the tragedy is further compounded by the mainstream press glossing over the serious and well-known association between suicide and the psychiatric drugs Williams was taking. If only the sentiments from one of Williams’ finest roles in Awakeningshad been taken literally in his personal life: “The human spirit is more powerful than any drug and that is what needs to be nourished: with work, play, friendship, family. These are the things that matter.”

CCHR is a non-profit, public benefit organization.

CCHR is a non-profit, public benefit organization.

Kelly Patricia O’Meara is an award-winning former investigative reporter for the Washington Times’ Insight Magazine, penning dozens of articles exposing the fraud of psychiatric diagnosis and the dangers of the psychiatric drugs—including her ground-breaking 1999 cover story, “Guns & Doses,” exposing the link between psychiatric drugs and acts of senseless violence. She is also the author of the highly acclaimed book, Psyched Out: How Psychiatry Sells Mental Illness and Pushes Pills that Kill. Prior to working as an investigative journalist, O’Meara spent sixteen years on Capitol Hill as a congressional staffer to four Members of Congress. She holds a B.S. in Political Science from the University of Maryland.

Fonte: http://www.cchrint.org/2014/11/10/robin-williams-was-on-drugs-at-the-time-of-his-death-antidepressant-drugs/

“Scoperto il neurone dell’odio” e altre bufale psichiatriche di questo tipo…

 

La ricerca neuropsichiatrica messa in dubbio da grossolani errori concettuali

La ricerca neuropsichiatrica messa in dubbio da grossolani errori concettuali

Professore di Harvard: “I neuroscienziati non capiscono la statistica”

“Scoperto il neurone dell’odio” – “Trovato il centro della religione” – “L’amore si trova nel cervello” ecc. I media ci propinano sempre più spesso articoli roboanti, ricchi d’immagini suggestive, decantando le magnifiche sorti, e progressive, della ricerca neuropsichiatrica.
Recenti studi mettono però in serio dubbio molti di questi risultati: i dati sarebbero trattati con tale approssimazione e negligenza da poter falsare le conclusioni.

Un gruppo di studiosi dell’Università di Amsterdam ha pubblicato un lavoro sulla rivista “Nature Neuroscience” (vol. 17, 2014, pp. 491-496) in cui dimostra la fallacia di molti neuro-esperimenti. Il 53% di ben 314 studi presi in considerazione omettevano di tener conto della struttura “nidificata” (o complessa) dei loro dati di partenza. Ignorare questo fattore – spiegano gli esperti di statistica – comporta un aumento dell’80% della probabilità di trarre conclusioni sbagliate.

In un’altra ricerca, proveniente dall’Università di Bristol e pubblicata sulla stessa rivista (vol. 13, 2013, pp. 365-376), gli autori denunciano la bassa rilevanza statistica di molti di questi studi, spiegando come ciò comporti un elevato rischio di ritenere vero ciò che non lo è. “Ne conseguono sovrastime del fenomeno investigato, e bassa riproducibilità dei risultati” conclude l’articolo, aggiungendo come ci siano anche “implicazioni etiche, perché la ricerca inaffidabile è inefficace e sprecona”.

Ancora la stessa rivista (vol. 14, 2011, pp. 1105-1107), ha pubblicato uno studio di alcuni ricercatori della prestigiosa Università di Leiden dal titolo Analisi erronee d’interazioni in neuroscienza.
Gli autori hanno rivisto ben 513 articoli di neuroscienza, pubblicati dalle cinque più rilevanti riviste del settore, evidenziando errori statistici procedurali che “nei due terzi dei casi potrebbero generare gravi conseguenze” e, a volte, ” influenzano lo studio in maniera sostanziale”.

La neuroscienza è una disciplina relativamente nuova, e in anni recenti ha conosciuto una rapida espansione dovuta alla disponibilità di nuove tecniche di neuro-imaging (la cattura di immagini radiologiche di tipo dinamico: mostrano l’attività di un’area del cervello e non la sola struttura). Alcuni di questi studi, per esempio, si propongono di dimostrare influenze tra genetica, attività cerebrale e cosiddetti disturbi mentali. Ebbene, cervello e genetica sono ancora poco conosciuti: molti fattori sfuggono alla nostra comprensione e, per ammissione degli stessi scienziati, più studiamo questi soggetti e più si complicano. Per non parlare della psichiatria: i cosiddetti disturbi mentali sono diagnosticati in base a comportamenti e pensieri del paziente, e la loro diagnosi è così soggettiva e arbitraria da impedire quella riproducibilità di risultati che invece viene richiesta nella ricerca medica.

Le variabili in gioco sono dunque numerose e in parte sconosciute, rendendo necessaria una profonda conoscenza delle leggi della statistica per valutare i dati. Emery Brown, professore di neuroscienze computazionali a Harvard, ha recentemente dichiarato:

C’è un errore fondamentale nel sistema: i neuroscienziati non capiscono abbastanza di statistica per fare le cose nel modo giusto, e non ci sono abbastanza statistici che li possano aiutare.

Uomo avvisato, mezzo salvato: la prossima volta che leggiamo un articolo, magari condito con immagini di cervelli multicolori, ma ricco di verbi coniugati al condizionale o al congiuntivo, in cui qualcuno vanta la scoperta del superneurone, prendiamolo con quella giusta dose di scetticismo che non fa mai male.

Fonte: https://www.ccdu.org/comunicati/ricerca-neuropsichiatrica-errori

L’esperimento che confuta la pischiatria

L’esperimento di Rosenhan

David Rosenhan

Lo psicologo David Rosenhan nel 1973 condusse un esperimento sulla validità della diagnosi psichiatrica.
Il suo studio fu pubblicato sul giornale Science con il titolo “On being sane in insane places” (“Sull’essere sani in luoghi matti“) ed è considerato come una delle più importanti critiche alle diagnosi psichiatriche. Rosenhan inviò di nascosto presso alcune istituzione psichiatriche degli pseudopazienti (incluso sé stesso) che fingevano alcuni sintomi di squilibrio.

Gli otto pseudopazienti costituivano un gruppo eterogeneo, per professione, età e sesso e utilizzarono degli pseudonimi per evitare di rimanere bollati a vita con diagnosi psichiatriche. Anche gli ospedali furono scelti in modo da rappresentare, come tipologia e distribuzione geografica, uno specchio realistico della situazione nazionale americana.

Lo pseudopaziente arrivava in accettazione lamentandosi di aver sentito delle voci che gli dicevano le parole “vuoto”, “cavo” e “inconsistente”. Queste erano le uniche bugie: tutto il resto (i rapporti con i genitori e i fratelli, con il coniuge e i figli, con i compagni di lavoro e di scuola) fu raccontato dagli pseudopazienti in maniera veritiera.

Immediatamente dopo l’ammissione nel reparto psichiatrico, lo pseudopaziente cessava di simulare ogni sintomo di anormalità e iniziava a comportarsi in reparto così come si comportava “normalmente”, parlando con i pazienti e con lo staff così come avrebbe fatto abitualmente. Gli stessi infermieri confermavano che il loro comportamento era “amichevole”, “collaboravano” e “non mostravano alcun segno della loro anormalità”.

Gli pseudopazienti non furono mai identificati come tali. Ammessi con una diagnosi di schizofrenia, con una sola eccezione, furono tutti dimessi con una diagnosi di schizofrenia “in via di remissione”.
Questo dettaglio non dovrebbe passare inosservato: sta a indicare che durante il ricovero nessuno aveva mai sospettato la messinscena. Dunque, se lo pseudopaziente doveva essere dimesso, la sua malattia doveva essere “in via di remissione”: secondo lo psichiatra, non era del tutto sano, né mai lo era stato.

Lo staff di un noto istituto psichiatrico, avendo ricevuto notizia di questo esperimento, sfidò Rosenhan a inviare i suoi pseudopazienti, certi che non avrebbero commesso errori così grossolani. Il personale di questo istituto fu dunque avvisato: in un certo momento, nel corso dei tre mesi successivi, uno o più pseudopazienti si sarebbero presentati in accettazione. Al personale fu richiesto di classificare ogni paziente secondo la probabilità che si trattasse di uno pseudopaziente. Su 193 pazienti arrivati in questi tre mesi, l’istituto identificò ben quarantuno pseudopazienti, mentre altri ventitré furono considerati “sospetti” da almeno uno psichiatra. In realtà, Rosenhan non aveva inviato nessuno!

L’autore dello studio concluse:

Qualsiasi processo diagnostico che si presti ad errori così massicci non può essere considerato molto attendibile.

Alcuni psichiatri hanno rifiutato l’esperimento di Rosenhan: le diagnosi mediche – argomentano – dipendono inevitabilmente da quanto riferisce il paziente. A supporto di ciò citano un immaginario pseudopaziente che, dopo avere bevuto mezzo litro di sangue, si presenti al pronto soccorso vomitando sangue: gli verrebbe immediatamente diagnosticata un’ulcera. Quest’argomentazione, tuttavia, presenta quattro incongruenze:

  1. Il paziente descritto non racconta di sputare sangue: lo fa davanti ai medici (i medici osservano dunque un segno oggettivo). Gli pseudopazienti di Rosenhan raccontavano qualcosa (un sintomo – non un segno).
  2. Un paziente che sputi mezzo litro di sangue appare in una situazione di rischio, allo stesso tempo, immediato e grave. Lo stesso non si può dire per chi senta una voce e lo racconti standosene serenamente seduto. In una condizione meno urgente, un paziente che lamenti dolore al braccio dopo una caduta non viene ingessato senza una radiografia.
  3. In una situazione di minore emergenza, lo staff del pronto soccorso eseguirebbe di certo ulteriori esami e accertamenti, che porterebbero a escludere l’ulcera e scoprire il bluff.
  4. In ogni caso, se il paziente smettesse all’improvviso di simulare il sintomo e rimanesse per qualche tempo in reparto sotto osservazione, non verrebbe dimesso con un’ulcera “in remissione”.

L’esperimento di Rosenhan dimostra ciò che il CCDU sostiene da anni: la psichiatria non è una scienza, e la sua qualifica di branca della medicina è usurpata.

Fonte: https://www.ccdu.org/esperimento-rosenhan

OTTOBRE NERO

THE BLACK OCTOBER

pubblicato in data 25 set 2014

haircut

L’escalation di contestazione sul piano mediatico che sta colpendo l’attuale governo fa percepire come la possibiità di una nuova chiamata alle urne verso Marzo 2015 sia verosimilmente plausibile. Le recenti valutazioni che ha evidenziato il Financial Times ad inizio settimana riguardo la sostenibilità finanziaria del debito pubblico italiano, ormai completamente fuori controllo, devono far preoccupare oggettivamente i loan country buyers, leggasi gli acquirenti e detentori di titoli di stato italiani. Non aspettate il salvatore della patria, lasciate perdere lo show dei proclami che sta andando in scena da oltre sei mesi, iniziate a liberarvi dei suddetti titoli italiani quanto prima. Questa volta la sirena vi avvisa con largo anticipo. Anche Corrado Passera, che dovrebbe essere il futuro nuovo primo ministro italiano, ha espresso l’ennesimo giudizio all’unisono su chi sta guidando il Paese dalla scorsa primavera. Matteo Renzi è un bluff,quando il Paese se ne accorgerà sprofonderà nell’oblio, è privo di visione, naviga a vista e soprattutto è circondato da persone dalla modesta, se non insignificante competenza. Così l’ex ministro del Governo Monti si è recentemente espresso ai microfoni di Radio 24.

Stando ai rumors di mercato, a far cadere Renzi potrebbe essere il suo ministro dell’economia, Pier Carlo Padoan, che non ha alcun desiderio di veder rovinata una carriera professionale trentennale per sei o nove mesi di appartenenza all’ennessimo governo detronizzato. Sostanzialmente Padoan vorrebbe evitare di finire come Mario Monti, il cui prestigio professionale è stato ampiamente compromesso dalla sua stessa esperienza di governo. Fallimentare su molti fronti. Renzi ormai può essere considerato un PR che vive in un mondo tutto suo: chi crede infatti che il Paese possa riprendersi grazie alla riforma del Senato, alla finta abolizione delle provincie o la recente proposta di abolizione dell’articolo 18 farà la stessa fine di quei poveri babbei che hanno comperato bitcoin durante la scorsa estate a 650$ ed ora se lo ritrovano a 400$ con una svalutazione del 40%. Una sorte simile potrebbe capitare anche ai detentori di debito italiano. Su questo punto facciamo una riflessione. Quando Mario Monti subentro a Berlusconi nel 2011 e lo spread era oltre 500 sui titoli di stato, il Paese paradossalmente stava molto meglio di oggi in cui lo spread è costantemente sotto la soglia di 150 punti.

Il tutto sembra irragionevole in quanto i parametri macro-economici che rappresentano il Paese sono decisamente più compromessi rispetto a tre anni fa: pensiamo solo alla disoccupazione, al rapporto debito/pil o al livello di tassazione complessivo. Dalla ICI alla Tasi, passando per l’IMU, il drenaggio fiscale sugli immobili è praticamente triplicato, senza dimenticare la tassazione sui risparmi e i vari balzelli sulle accise. Gli italiani in termini di ricchezza finanziaria stavano sicuramente meglio in epoca pre-montiana quando lo spread era oltre 500. I moniti che arrivano dagli organismi sovranazionali, dalle agenzie di rating e dagli investitori istituzionali riguardo alle famose riforme tanto sbandierate ma non implementate alimentano un rischio scenario che da incerto è diventato oggettivamente pericoloso. Gli hair cut sul debito italiano sono sempre più verosimili, ma mentre nei Paesi in cui sono stati intrapresi, a subirne le conseguenze sono stati proprio gli investitori esteri privati, nel caso italiano questo scenario diventa grottesco in quanto produrrebbe un ulteriore depauperamento di ricchezza per la nazione. Ricordiamo infatti che proprio gli stessi italiani detengono ormai oltre la soglia del 75% il proprio debito.

Fanno parte degli italiani che detengono il debito pubblico italiano anche banche e compagnie di assicurazione italiane che sui titoli di stato hanno costruito la loro solidità e la loro redditività. Sui titoli di stato italiani si fondano prodotti strutturati come le index linked, coperture di previdenza integrativa e montagne di fondi pensioni. Attenzione anche ad essere troppo esposti con depositi in istituti bancari italiani che a loro volto hanno una rilevante esposizione in titoli di stato italiani. Il momento di mercato presuppone una gestione del rischio più oculata di quello che si pensi, ipotizzando ormai anche scenari drammatici sul versante finanziario. Non vi sono più scuse per far finta di non vedere o di non sapere, i titoli del debito pubblico, a mio parere, vanno smobilizzati, capitalizzando magari i gain ottenuti proprio grazie ad acquisti effettuati durante il periodo turbolento del 2012. Il tutto può essere infatti configurato all’interno di un riassetto di portafoglio e di patrimonio a fronte del rischio Paese e del paradigma rischio/opportunità. Da questo punto di vista infatti il debito italiano potrà solo essere gestito in ottica quantitativa (quindi ipotesi di hair cut) in assenza di manifestazioni propulsive della crescita economica (ipotesi qualitativa) che mancano all’appello nonostante tre diversi tentativi di governo non convenzionale.

Copyright © 2014 | Eugenio Benetazzo Publications

Fonte: http://www.eugeniobenetazzo.com/debito-pubblico-hair-cut/

Trento, bocciato il DDL 24 su affidamento minori. Maffioletti: il difensore civico si dimetta

Trento, bocciato il DDL 24 su affidamento minori. Maffioletti: il difensore civico si dimetta

In Primo Piano

Trento, bocciato il DDL 24 su affidamento minori. Maffioletti: il difensore civico si dimetta

Daniela Longo

14/09/2014 – 11.23

Trento. Di recente il Difensore civico, dott.ssa Daniela Longo, ha presentato una relazione alla Quarta commissione politiche sociali in merito al DDL n. 24 presentato dall’onorevole Giacomo Bezzi e relativo al tema dell’affidamento dei minori. A nostro avviso, alcune posizioni assunte dalla dottoressa Longo si collocano in aperto contrasto con la missione stessa a cui è chiamata in qualità di Garante dei Minori della Provincia Autonoma di Trento.

Infatti, quella del Difensore civico è, in primis, una funzione di garanzia e tutela dei diritti e degli interessi del cittadino nei confronti della Pubblica Amministrazione. Ricordiamo altresì che nella Provincia autonoma di Trento il ruolo di Garante dei minori è affidato proprio al Difensore Civico. Eppure la dottoressa Longo, relativamente al passaggio, previsto nel ddl 24, in cui si prevede l’obbligatorietà di un progetto formale di recupero o rafforzamento della genitorialità, nella sua relazione scrive: “…. la soluzione non è quella di imporre un progetto, che fra l’altro credo esista per tutti senza tale vincolo, visto che risolvere il problemi con la famiglia è prioritario in ogni progetto di intervento sui minori, quanto magari trovare idonee modalità di interfacciarsi e superare ostilità esistenti. Tutto questo però riguarda la gestione dei servizi sociali, quindi l’azione amministrativa, e (la questione, ndr) non può essere risolta in via legislativa. Altrimenti si corre il rischio di aggiungere una carta in più da predisporre e basta.”

È scandaloso che il Difensore Civico, che dovrebbe tutelare i cittadini, si opponga formalmente al tentativo del legislatore di imporre uno strumento che, appunto, tutela maggiormente i cittadini, definendolo “….una carta in più da predisporre e basta”.

E’ altrettanto scandaloso che, così facendo, svuoti di significato il proprio ruolo – così sottraendo una figura di garanzia dal novero delle guarentigie di cui la cittadinanza deve godere – e finisca consapevolmente con il riconoscere (quasi con atteggiamento di "sudditanza gerarchica") un potere immenso all’azione amministrativa. Invece, le fonti normative che istituiscono la figura del Difensore civico/Garante affermano che il ruolo del difensore civico (e garante per l’infanzia) è quello di  essere Organo di tutela dei cittadini per segnalare storture o male prassi operate dalla pubblica amministrazione a svantaggio della erogazione di pubblici servizi che devono rispondere al principio legislativo di efficienza, efficacia e trasparenza pubblica,  e di bilanciare il potere dominante delle Istituzioni nei confronti della posizione del singolo cittadino.

A Trento, evidentemente, c’è qualcosa che non torna, giacchè ci troviamo in un territorio che registra uno tra i più alti tassi di allontanamento di minori dal proprio nucleo familiare, con destinazione casa famiglia o affido familiare.

L’intento di difendere a spada tratta il Sistema si rivela anche nel passaggio in cui si afferma che “la soluzione non è quella di imporre un progetto, che fra l’altro credo esista per tutti senza tale vincolo….”. Qui il Difensore Civico dimostra, quantomeno, una scarsa competenza in materia, dato che il disegno di legge si indirizzava proprio alle lacune amministrative relative alla mancanza di progettualità nelle attività di recupero della genitorialità.

Com’è possibile che la dottoressa Longo non sia al corrente delle innumerevoli segnalazioni concernenti la mancanza di progettualità dei servizi sociali trentini ?

Forse nulla sa della recente denuncia secondo la quale 93 bambini su 101 minori in regime di visita protetta – un numero "allucinante" se consideriamo che in Trentino il numero totale di minori allontanati dalle famiglie è di 355 – non hanno beneficiato di alcun aumento graduale delle visite (il che dimostra chiaramente la mancanza di progettualità o l’inefficienza della stessa).

Come può, il Difensore Civico, accettare ad occhi chiusi le informazioni, provenienti probabilmente dalle amministrazioni, e affermare che tale progetto “CREDO esista per tutti” ?

Significa forse che i “rapporti difficili con la famiglia di origine” siano sempre da addebitare alla famiglia e mai all’amministrazione ?

E perché la dottoressa si oppone a uno strumento di controllo dell’amministrazione ? Quella “carta in più da predisporre e basta” potrebbe permettere ai genitori di dimostrare l’inefficienza del progetto di recupero o rafforzamento della genitorialità e richiedere un progetto migliore, nonchè fungere da stimolo, per gli operatori, ad essere concretamente "al fianco" delle famiglie.

Come potranno i genitori e i cittadini rivolgersi con fiducia al Difensore civico ?

Crediamo che, a fonte di tale atteggiamento così passivo verso la cittadinanza, l’attuale Difensore Civico dovrebbe dimettersi. Dal canto nostro, consideriamo le sue dichiarazioni molto serie e valuteremo se porre la questione a livello istituzionale.

Gabriella Maffioletti Delegata Nazionale ADIANTUM per gli Enti locali

http://www.adiantum.it/public/3577-trento,-bocciato-il-ddl-24-su-affidamento-minori.-maffioletti–il-difensore-civico-si-dimetta.asp

La morte dell’attore Robin Williams: un altro successo della psichiatria

Soffriva di forte depressione, un eufemismo per dire che era in trattamento psichiatrico.

Basta scorrere alcuni articoli di oggi per scoprire che:

Gli investigatori hanno confermato che Williams era in cura per la depressione e che avrebbe assunto i farmaci per la cura anche poco prima di morire.

[…] ll mese scorso era stato brevemente in un centro di recupero per alcolizzati del Minnesota. Aveva annunciato la ripresa di un programma di cura in 12 step, di cui diceva di avere bisogno dopo 18 mesi di lavoro ininterrotto. Aveva provato il trattamento già nel 2006.” (1)

Non c’è dubbio, il trattamento ha funzionato molto bene!

Ciao Robin, quante altre morti come la tua dovremo ancora sopportare prima che il mondo si accorga che la presunta cura spesso è peggio della malattia?

(1) Fonte: LaRepubblica.it http://www.repubblica.it/spettacoli/2014/08/12/news/morto_robin_williams-93600684/